IL VILLA MUSONE VIENE RAGGIUNTO DALLA CASTELLEONESE

Si è chiusa con un pareggio l’undicesima di campionato del Villa Musone Calcio, impegnato in una sfida al cardiopalma con la Castelleonese sull’erba dello stadio di casa, il Carotti. Un match giocato col coltello tra i denti per tutta la durata, nervoso e concitato ma che non ha partorito un vincitore, almeno formalmente. Nonostante il pari, infatti, i villans hanno retto meglio il campo, dando filo da torcere ai rivali per gran parte dei minuti di gioco.

La partita si apre già a trenta secondi dal fischio d’inizio. Monnati guadagna palla e riesce portarsi fronte porta, salvo poi calibrare malamente la potenza del tiro e spedire la sfera dritta sugli stinchi dell’estremo difensore avversario. Seguono minuti concitati durante i quali il Villa Musone viene messo sotto assedio da una Castelleonese al massimo della sua aggressività, impegnata in ripetuti scambi di palla e molteplici tentativi di conclusione dalla metà campo avversaria. Il tentativo migliore appare quello di Zandri, al 4’, che si prepara a cercare lo specchio della porta dai pressi dell’angolo, venendo comunque poi prontamente fermato dalla difesa villans. Ci riprova la Castelleonese a smuovere le sorti della partita, prima con un calcio di punizione da posizione pericolosa e poi con un angolo. Per il Villa Musone, il primo tentativo di conclusione arriva al 27’ e porta la firma di Ventresini. Lo stesso Ventresini qualche minuto dopo decide di fare tutto da solo e riesce nell’impresa di segnare un gol da posizione defilata. È il 37’ ed i villans passano dunque in vantaggio con un pallone eccellente, entrato dall’angolino basso. Al 40’ Manzotti cerca la conclusione del raddoppio ma pensa troppo con la palla al piede e spreca una buona opportunità. La coppia Ventresini – De Martino non ha ancora finito le sue cartucce e poco dopo l’occasione sprecata del compagno, riescono a farsi beffa della difesa ospite e a portarsi al limite dell’area. Stavolta è De Martino ad avere l’onere della conclusione. Buona l’idea, un po’ meno l’esecuzione. Lungo il recupero imposto dal direttore di gara, ben 6 minuti. Al 47’ arriva il rigore per la Castelleonese, assegnato su fallo di Berrettoni, intervenuto con troppa verve sull’avversario. Sul dischetto si posiziona Giudici, che carica molto prima di tirare e manca nettamente lo specchio della porta.

La ripresa è nel segno delle mischie in area: prima è la Castelleonese a rendersi pericolosa, a stretto giro tocca ai padroni di casa. Ventresini al 54’ ha una buona opportunità ma non serve il compagno ben piazzato. Al 75’ tocca a Manzotti che cerca l’uno-due con Ventresini che non si chiude d’uno soffio. Dopo essere rimasti silenti per tre quarti del secondo tempo, i giocatori della Castelleonese ritrovano la loro aggressività all’80’. Fattorini viene pescato da un assist partito da punizione e, nella mischia, riesce a cogliere di sorpresa l’estremo difensore gialloblù ed a segnare il goal del pareggio. Entrati ormai nel recupero, il Villa Musone tenta il tutto per tutto per riportarsi in vantaggio ma non basta, finisce 1-1.

“È stata una partita combattuta fino alla fine, una di quelle dove il risultato è sempre incerto” dice a margine mister Gentin Agushi, tecnico del Villa Musone. “Il pareggio di oggi è giusto, anche la Castellonese ha creato occasioni ma noi dobbiamo lavorare, mantenere la concentrazione fino alla fine. Testa bassa e si guarda già alla prossima sfida” conclude.

 

VILLA MUSONE – CASTELLEONESE  1-1 (pt 1-0)

 

VILLA MUSONE: Corradini (20’ Grottini), Lorenzetti, Berrettoni, Domizi (70’ Sall Cheick), Guzzini, Ciminari, Manzotti, Camilletti, Ventresini (85’ Giammaria), Giuliani, De Martino. A disposizione: Ascani, Prosperi, Astuti, Agushi. All. Agushi

CASTELLEONESE: Francoletti, Testaguzza (92’ Ciani), Spezie, Errady (25’ Simonetti), Bombagioni, Fattorini, Zandri, Manfredi, Monnati, Giudici, Aisoni (61’ Toderi). A disposizione: Giombi, Secondini, Spadoni, Badiali, Agostinelli, Falcinelli. All. Gasparoni.

VILLA MUSONE, TOUR DE FORCE PER I RAGAZZI DI MISTER GENTIN AGUSHI TRA COPPA MARCHE E CAMPIONATO

È una settimana ricca di appuntamenti per i ragazzi del Villa Musone, impegnati in una pletora di appuntamenti tra la Coppa Marche ed il Campionato. Apre la settimana l’incontro con la Cingolana S. Francesco, valevole per la Coppa Marche, finita per 2-1 in favore degli avversari. Appuntamento, poi, a sabato 3 dicembre alle ore 14.30 al “Gianluca Carotti” per il ritorno in casa dei villans, che affronteranno la Castelleonese dopo la sconfitta-beffa in trasferta con la Sampaolese, partita influenzata da alcune discutibili scelte arbitrali.

“Oltre, secondo me, ad un goal regolare annullato, l’errore più grave è stato il rigore assegnato su fallo in attacco” dice Niccolò Lorenzetti, difensore gialloblù. Contro la Castellonese “non dobbiamo sbagliare. È uno scontro diretto e non c’è altra soluzione che scendere in campo con la testa giusta per affrontare il match” conclude Lorenzetti.

Antonio Guerra

Ufficio Stampa ASD Villa Musone           

IL VILLA MUSONE SALUTA LA COPPA MARCHE

Il Villa Musone cede per 2-1 in casa della Cingolana San Francesco e saluta la Coppa Marche di Prima Categoria. Un cammino comunque positivo per i gialloblu, arrivati nella competizione alla 2° fase ad un passo dal passaggio al turno successivo, con alcuni risultati importanti e con diversi giovani che si sono messi in evidenza nel corso della competizione. Dopo una brillante prestazione per i ragazzi di mister Gentin Agushi un gol in pieno recupero per i locali ha condannato i villans all’uscita dalla Coppa.

“Ci portiamo a casa una prestazione convincente, come quella di sabato scorso – commenta l’allenatore gialloblu – Nel corso della partita abbiamo creato diverse palle gol che purtroppo non siamo riusciti a capitalizzare un po’ per imprecisione nostra un po’ per la bravura del loro portiere. Siamo finiti in svantaggio quasi subito, poi siamo stati bravi a pareggiarla con il calcio piazzato da cui è nato il gol di Giuliani. Probabilmente il pareggio ci sarebbe stato anche stretto, poi al 93’ abbiamo subito la beffa su una svista difensiva. Peccato davvero, anche se la Coppa è servita sicuramente per far fare ulteriore esperienza anche ai nostri giovani, che hanno risposto positivamente. Ora ci concentriamo al campionato dove le prossime partite saranno fondamentali”.

 

CINGOLANA SAN FRANCESCO – VILLA MUSONE 2-1 (1-0 pt)

 

CINGOLANA SAN FRANCESCO: Bracaccini, Omrani, Bianchi, Mangoni, Falappa, Zitti, Sandroni, Compagnucci, Romaldi, Mazzolani, Moretti All. Coppari

VILLA MUSONE: Grottini F., Grottini L., Ascani, Giampieri, Guzzini, Ciminari, Caporaletti, Camilletti, De Martino L., Giuliani, Manzotti All. Agushi

Arbitro: Brian Dattilo di Macerata

Reti: 25’ Sandroni, 75’ Giuliani, 93’ Poinsel

 

Matteo Valeri

Ufficio Stampa ASD Villa Musone      

SCONFITTA BEFFA IL VILLA MUSONE

Il Villa Musone torna dalla trasferta contro la Sampaolese a mani vuote. Una sconfitta che sa di beffa per i villans che ci sono visti negare un pareggio che sarebbe stato giusto a causa di un rigore inesistente concesso quasi allo scadere. In generale l’arbitraggio della gara non è stato all’altezza della situazione finendo alla fine per decidere le sorti del match, complice anche altre decisioni molto discutibili nel corso dei 90 minuti. Onore alla Sampaolese ma in generale ad entrambe le formazioni che hanno dato vita ad una sfida intensa e vibrante, con un primo tempo chiuso sullo 0-0. Meglio i padroni di casa nei primi 20 minuti di gioco, poi i gialloblu sono usciti alla distanza dando vita ad una gara avvincente. Poi però il signor Caporaletti è stato il protagonista in negativo del match non estraendo il rosso ad inizio ripresa per un brutto fallo su Lorenzo de Martino e annullando un gol siglato da Emanuel de Martino, gol del tutto regolare. Per chiudere in bellezza è arrivato il penalty, in realtà un fallo in attacco su Lorenzetti che è stato colpito dall’attaccante avversario mentre allontanava la sfera, a chiudere la prestazione decisamente no del signor Caporaletti. Onore al merito alla Sampaolese, e a Troilo che è riuscito ad insaccare il rigore della vittoria, ma le partite non dovrebbero essere condizionate da arbitraggi di questo tipo.

“Una grande prestazione da parte dei ragazzi, dove l’arbitro è stato protagonista della partita – commenta mister Agushi – l’esito finale è stato deciso da lui. Non ha avuto la personalità di dare il rosso ad un giocatore loro con un’entrata da dietro terribile all’inizio del secondo tempo. Poi un rigore dubbio dato allo scadere che ha deciso la gara: nonostante dopo lo svantaggio abbiamo preso anche un palo che ci ha negato il pareggio che sarebbe stato giustissimo. Però devo fare i complimenti ai ragazzi che hanno fatto una grande partita, ma è difficile giocare anche contro l’arbitro che è stato il protagonista del match. Comunque ci teniamo la prestazione e andiamo avanti a testa alta, che ci aspetta un rush finale molto importante”.

 

SAMPAOLESE -VILLA MUSONE 1-0 (0-0 pt)

 

SAMPAOLESE: Morgante, Conte (61’ Vescovo), Menotti (86’ Catani), Cocilova, Fioranelli, Michele Boria, Bediako, Paialunga (61’ Apolloni), Diagne, Troilo, Calvanese. (A disp. Federici, Paolo Boria, Chiariotti, Sangara, Stura, Belardinelli). All. Togni.

VILLA MUSONE: Cingolani, Lorenzetti, Berrettoni, Domizi, Guzzini, Ciminari, Manzotti (73’ Caporaletti), Sall Cheick, Emanuel De Martino, Giuliani (80’ Camilletti), Lorenzo De Martino. (A disp. Filippo Grottini, Federico Ascani, Luca Grottini, Giampieri, Giammaria, Astuti, Agushi). All. Agushi.

Arbitro: Caporaletti di Macerata.

Reti: 87’ Troilo (rig.)

 

Matteo Valeri

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

VILLA MUSONE, TORNA EMANUEL DE MARTINO

Graditissimo ritorno in casa Villa Musone. A vestire la maglia gialloblu torna Emanuel De Martino, che per tanti anni è stato un villans a tutti gli effetti. Dopo la sua prima esperienza molto positiva, dal 2012 al 2017 facendo anche parte della storica scalata fino in Promozione, nel passato campionato è arrivato in corso d’opera dove ha nuovamente messo in luce il suo talento ed ha portato al servizio della squadra la sua esperienza. Nonostante diverse offerte da piazze importanti, l’attaccante ha deciso di proseguire il suo cammino insieme alla sua “seconda” famiglia.

“C’è un legame particolare con questa società – commenta Emanuel De Martino – L’anno scorso sono arrivato a stagione in corso con l’obiettivo della salvezza, mentre quest’anno sono voluto tornare per cercare come sempre di portare la mia esperienza al servizio della squadra per provare a fare qualcosa in più tutti insieme. Siamo partiti un po’ a rilento, perdendo qualche punto prezioso per strada, ma adesso l’obiettivo è quello di risalire la china della classifica. Vorrei trasmettere ai ragazzi più giovani un po’ quello che sono io, perché ci tengo a questa società con cui ho vissuto momenti indimenticabili. Vorrei aiutare i miei compagni dal punto di vista caratteriale perché quando si vince è sempre bello ed è qualcosa che rimane impresso nella memoria”.

 

Matteo Valeri

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

VILLA MUSONE DOPO IL DERBY, LA SAMPAOLESE

Archiviata la bella vittoria nel derby contro il Loreto, per il Villa Musone è già il momento di pensare alla prossima sfida. Sabato 26 novembre alle ore 14.30, infatti, i gialloblù affronteranno in trasferta i rivali della Sampaolese, dai quali li separano cinque punti e quattro posizioni in classifica. Per i villans sarà una sfida importante, essenziale per confermare il ritorno in carreggiata della formazione e consolidare i risultati delle ultime partite. Ne abbiamo parlato con Nicolò Domizi, centrocampista classe 2002, tra i nuovi acquisti della rosa guidata da mister Gentin Agushi. “Sicuramente ci aspetterà un’altra partita difficile, difficile come tutte quelle che abbiamo disputato dall’inizio della stagione” dice il giocatore. “Dovremo dare continuità di risultati dopo la vittoria di sabato, dando il meglio e portando a casa dei risultati che ci permetteranno di dare uno slancio al nostro campionato” continua.

Per Nicolò Domizi questa è la prima esperienza in maglia gialloblù. “Ho trovato un gruppo bellissimo, un’ottima squadra tanto a livello tecnico quanto umano” racconta. “In campo c’è un bel mix tra giovani ed esperti” aggiunge. E sul campionato: “sicuramente il nostro è un girone impegnativo” confessa. “Ogni sabato ci aspetta sempre una bella sfida e dobbiamo mettercela sempre tutta per portare a casa i tre punti” dice in conclusione.

 

Antonio Guerra

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

IL VILLA MUSONE FA SUO IL DERBY CONTRO IL LORETO

Il Villa Musone fa suo il derby in casa contro il Loreto per 2-0 e ritrova la quadra dopo lo scivolone in trasferta contro il Monserra. Per i ragazzi di mister Gentin Agushi si trattava di una sfida dall’elevato valore sportivo e simbolico, essenziale per rinvigorire il morale e riprendere a correre in classifica. Ottima la cornice di pubblico, con decine di persone accorse al “Gianluca Carotti” nonostante una pioggia battente che ha segnato il match dal fischio iniziale alla fine.

Non tanto spettacolo offerto dalle due formazioni nella prima frazione di gioco, impegnate a misurarsi a centrocampo. La situazione si sblocca soltanto al 41’ con un bell’assist di Caporaletti su Lorenzo De Martino, che arriva faccia a faccia con l’estremo difensore lauretano e riesce a bucarlo, spedendo la sfera dritta in rete. Il Villa Musone si porta dunque in vantaggio, chiudendo i primi quarantacinque minuti di gioco in avanti. Da sottolineare un fallo da rigore su Ventresini non rilevato dall’arbitro.

Al ritorno in campo la pioggia scende ancora battente ma l’entusiasmo non manca. Ad un minuto dalla ripresa i gialloblù tentano di consolidare il vantaggio, quando De Martino conquista palla a centrocampo e dribbla gli avversari sulla fascia. Niente di fatto, però: ancora una volta la palla viene sottratta ai gialloblù. Nonostante ciò, è evidente come il Villa Musone sia tornato in campo pieno di aggressività, pronto a confermare e ribadire la propria superiorità. Ottimo lo spunto di Giuliani al 56’: l’attaccante sfrutta una buona posizione nella zona mediana della metà campo avversaria per calciare in porta. È solo per una questione di centimetri, però, che la palla manca la traversa. Subito dopo tocca al Loreto andare all’attacco, sprecando due palle goal con delle conclusioni imprecise. La rete del raddoppio potrebbe portare la firma di Berrettoni. Il 3 gialloblù recupera una palla nell’area piccola ma è circondato dagli avversari. Deve per forza tirare e lo fa, mancando il legno di pochissimo. Poco importa: passano una manciata di minuti ed al 70’ il raddoppio arriva. Partendo da un calcio d’angolo, il gialloblù Giuliani insacca la sfera nella rete, che si gonfia. Due a zero per il Villa Musone ma mancano ancora venti minuti di gioco. Flebile la presenza in attacco del Loreto, dove manca di capacità conclusive nonostante alcune buone intuizioni. Arriva il triplice fischio dell’arbitro: è il Villa Musone a portarsi a casa il derby all’ombra della Cupola.

“L’avevamo preparata bene per tutta la settimana” dice sulla partita mister Gentin Agushi, allenatore gialloblù. “È stata difficile ma i ragazzi sono stati bravi, non abbiamo corso nessun pericolo ed abbiamo portato a casa tre punti super meritati” conclude il tecnico a margine della partita.

 

VILLA MUSONE – LORETO 2-0 (1-0 pt)

 

VILLA MUSONE: Cingolani D., Ascani F, Berrettoni, Domizi (86′ De Martino M.) Guzzini, Ciminari, Caporaletti (68′ Manzotti), Sall Cheick, Ventresini, Giuliani (78’Giampieri), De Martino L. (86′ Camilletti) A disposizione: Corradini, Grottini L., Astuti, Giammaria, Agushi. All. Agushi

LORETO: Droghetti, Sprecacè (78′ Massimiliani), Marta, Galassi (46′ Ghergo), Socci, Maggi, Colantuono, Noto, Mobili (78′ Mascia), Graciotti (65′ Giulietti), Pigliacampo (82′ Palazzo) A disposizione: Puntillo, Marini, Iossa, Tonuzi, Allenatore: Poggi

Arbitro: Fabio Federici di Ascoli Piceno

Reti: 41′ De Martino L., 70′ Giuliani

Note: Ammoniti Graciotti, Galassi, Berrettoni, Guzzini, Sprecacè

 

Antonio Guerra

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

VILLA MUSONE, SABATO DERBY CONTRO IL LORETO

È un derby all’ennesima potenza quello che attende il Villa Musone Calcio. Sabato 19 novembre alle ore 14.30 al “Gianluca Carotti”, infatti, i ragazzi di mister Gentin Agushi affronteranno in casa i vicinissimi del Loreto. Una partita che si preannuncia combattuta, con entrambe le formazioni che lotteranno per risalire la china della classifica.

“Il Loreto arriverà col coltello tra i denti, cercando il riscatto forti del nuovo mister” dice Carlo Ventresini, attaccante gialloblù. “Noi vogliamo fare bene, dimostrare che non ci meritiamo di stare sotto in classifica” aggiunge.

Classe 2002, Carlo Ventresini è una delle new entry della formazione villans di questa stagione. “Ho accettato la chiamata del Villa Musone spinto dall’entusiasmo del direttore sportivo Rossano Mandolesi. Non ci ho pensato due volte: alla seconda telefonata ero già pronto a firmare” racconta. “Devo dire che non mi aspettavo di trovarmi così bene in questo ambiente, nonostante tutti me lo avessero già presentato come quasi professionistico” continua l’attaccante gialloblù. “Questa è una società seria e sana, dove i ragazzi come me hanno la possibilità di dare qualcosa in più” aggiunge Ventresini. “Adesso dobbiamo continuare sulla strada del duro lavoro: soltanto così potremo risalire la cima” conclude.

           

 

Antonio Guerra

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

IL VILLA MUSONE CEDE DI MISURA IN CASA DEL MONSERRA

Non basta una prova generosa del Villa Musone per strappare dei punti dal campo del Monserra. I padroni si impongono per 1-0 grazie alla rete messa a segno al 25’ da Brega, ben imbeccato da Brescini, che alla fine ha deciso le sorti del match. Una partita in cui gli episodi hanno fatto la differenza, con i villans che sono usciti fuori alla distanza, disputando un convincente secondo tempo, in cui però è mancata la precisione sotto porta per capitalizzare le palle gol create. Rimane sicuramente il rammarico per aver subito una sconfitta di misura, su un campo comunque difficile, anche se sono da rimarcare le assenze pesanti nel reparto arretrato, con mister Gentin Agushi che si è dovuto reinventare la difesa. Da sottolineare due debutti in campionato quelli dei 2003 Pietro Ascani e Tomas Astuti, che hanno fatto tutta la trafila del giovanile in casa gialloblù come il loro compagno di squadra Matteo Giampieri, ormai da due anni stabilmente in prima squadra.   

“Un primo tempo sottotono e interpretato male – commenta mister Agushi – dove abbiamo commesso un errore e preso il gol. Nel secondo tempo siamo andati meglio e abbiamo provato a riprendere la partita ma non siamo riusciti a fare il gol. Adesso bisogna lavorare tanto di più e cercare di migliorare gli errori che abbia fatto oggi. Testa bassa e pedalare che sabato ci aspetta una partita fondamentale”.

 

MONSERRA – VILLA MUSONE 1-0 (1-0 pt)

 

MONSERRA: Morettini, Ferrero (79’ Ceccarelli), Puerini, Serpicelli, Federici, Carbone, Brega (90’ Calcina), Ghilardi (60’ Carbini), Brescini (70’ Bittoni), Mastri, Castignani. All. Pietrelli.

VILLA MUSONE: Cingolani, Lorenzetti, Federico Ascani, Domizi (55’ Giampieri), Ciminari, Grottini, Caporaletti (58’ Pietro Ascani), Sall Cheick, Lorenzo De Martino, Giuliani (46’ Giammaria), Manzotti (83’ Astuti). All. Agushi.

Arbitro: Fiermonte di Macerata.

Rete: 25’ Brega.

 

Matteo Valeri

Ufficio Stampa ASD Villa Musone

I VILLANS ALL’ATTACCO DOPO LA VITTORIA COL MONTEMARCIANO. CAPORALETTI: “TESTA BASSA, DOBBIAMO VINCERE ANCHE CONTRO IL MONSERRA”

Dopo aver conquistato la loro prima vittoria di stagione in campionato, ora i villans si preparano a tornare in campo per una trasferta di livello. Sabato il Villa Musone affronterà infatti il Monserra, che attualmente occupa il decimo posto del girone coi suoi 10 punti in 7 partite. “Sarà una partita come le altre, da affrontare coi piedi per terra” dice Roberto Caporaletti, attaccante gialloblù. “Nonostante il successo contro il Montemarciano abbiamo ancora soltanto 6 punti in 7 partite; servono testa bassa e serietà e motivazione durante l’allenamento” aggiunge. Ed alla domanda su cosa avesse impedito ai villans di imporsi nella prima fase del campionato, Caporaletti risponde in maniera molto netta: “la solidità”. “Qualche opportunità in avanti siamo riusciti a crearla ma l’imprecisione ci fermava. Sprecavamo occasioni molto importanti, come successo contro il Sassoferrato Genga”. “Nei momenti difficili bisogna essere presenti, soffrire e mettere da parte il gioco. Quello che conta sono i punti. Una squadra che non prende goal o prende goal con difficoltà riesce a salire la classifica. Noi dobbiamo far questo: le altre compagini devono capire che con noi è difficile segnare” aggiunge.

Classe 1989, Roberto Caporaletti è rientrato nella formazione di mister Gentin Agushi dopo alcune stagioni di assenza (l’ultima presenza in maglia gialloblù risale al 2018/19). “È un bell’ambiente; i ragazzi sono tutti determinati e con la testa sulle spalle. Si sta in campo per vincere e per dimostrare qualcosa, che si abbia 15 o 40 anni” chiosa.

 

Antonio Guerra

Ufficio Stampa Asd Villa Musone